L’Arboretum del parco paesaggistico

L’Arboretum nasce dal recupero di alberature di pregio

e angoli di paesaggio agreste loretese

 

L’Arboretum del parco paesaggistico nasce nel 2021 a seguito dell’opera di riunificazione di tutti i terreni e delle aree di interesse. Si estende su 4100 metri quadrati ed è il risultato di una importante opera di restauro e bonifica di terreni degradati da rovi e piante alloctone infestanti. Nato sui resti di un vecchio frutteto, al suo interno sono presenti numerose varietà fruttifere oltre a diverse specie arboree e arbustive autoctone ed esotiche di pregio.

 

 

I lavori di riqualificazione, iniziati nel luglio 2021, si sono sviluppati seguendo tre fasi principali:

-La prima fase è stata quella dell’indagine botanica sul terreno, selezionando tutte le piante importanti, intervendo con minuziose operazioni di bonifica dei roveti e con abbattimenti mirati di specie infestanti.

-La seconda fase è stata quella della pulizia sistematica di tutti i rovi e il ripristino dei versanti con realizzazione di sentieristica principale.

-La terza fase, tutt’ora in corso, è quella della ricostruzione dell’arboreto, inserendo alberi e arbusti nuovi di varia specie, provenienti dalla macchia mediterranea e dalla vegetazione autoctona o da altri continenti, realizzando siepi camporili e angoli verdeggianti in sintonia con il paesaggio.

 

 

L’opera principale dell’Arboretum è quella della ricostruzione di un paesaggio ameno, particolarmente pittorico, che si sviluppa su versanti assolati, rivolti a sud-est e con veduta sul borgo loretese. Tutta l’area è gestita in maniera informale e naturalistica con interventi di gestione molto minuziosi, lasciando libera la crescita di alberi, arbusti e siepi in cui le caducifoglie si alternano alle sempreverdi e alle conifere ornamentali.

 

 

All’interno dell’arboreto è presente anche un giardino acquatico con piante igrofile. Tale specchio d’acqua, realizzato durante i lavori di recupero e bonifica del terreno, è alimentato da sorgenti presenti nell’area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *